mercoledì 6 agosto 2014

Stupendo amin 21 k

Dopo un inizio lento (100 gr in 3 ore) gli aminoacidi ricominciano a fare effetto, ho 900 gr in 5 ore, ho pe erso 1 kg e 100 in 6 ore + 400 gr di non digiuno dopo i 82,4 adesso peso 80,8 kg. Ho saputo che la dieta con amin 21 k va fatta al massimo 3 volte all'anno. Se fatta più di tre volte non da più risultati. Infatti io ho ricominciato dopo un anno e i risultati si stanno gia vedendo dopo un giorno

martedì 5 agosto 2014

Dopo 2 ore e 45 minuti dall'assunzione delle due buste....

di amin 21 k ho perso 100 grammi: sono passato da 82,5 a 82,4, passeranno altre due ore e 45 per perdere 100 grammi?

Oggi e per due giorni dieta con amin 21 k

Pesata ore 20:30 82,5 poi due buste di amin 21 k mi peserò di nuovo alle 23:00 spero che a quell'ora avrò perso almeno 100 grammi vorrebbe dire se l'andamento sarà lineare che alle 20:30 di domani starò a 81 e 5, ci risentiamo alle 23. Ciao amici ciccioni

giovedì 19 giugno 2014

diario alimentare 18 giugno

ORE 6:00 LATTE 200, CRUSCA 15 GR E 1 FICO SECCO peso 83,4
ORE 13:00 prima di mangiare pesavo 82,4 dopo mangiato pesavo 82,9
          PAne integrale e 150 gr di petto di pollo o
ore 17:25 prima dello spuntino a base di 20 gr di cioccolato  
          fondente pomeridiano pesavo 82,6
oRE 21:00 prima di cenare pesavo 82,2 200 GR DI pmodori (CI SONO), 70 GR           DI PANE INTEGRALE 120 GR DI
          mozzarella , dopo cenato pesavo 83

mercoledì 18 giugno 2014

diario alimentare 17 giugno

    ore 8:00 ho già messo tutto nel borsello tablet e carta ricaricabile
     ore 13:00 fare menu 3 80 gr di fagioli di spagna, 200 gr di sgombro al naturale
                     prima del pranzo 82,9 dopo il pranzo 83,7
     ORE 17:00 PRIMA DELLO SPUNTINO POMERIDIANO PESO 83
     ore 20:30 PASTA AL PESTO CON CAVOLI E POMODORI 70 gr di pane integrale dopo
                    pesata 83,7

mercoledì 11 giugno 2014

Diario alimentare 10 giugno

    ore 21:00 cena menu 4 dopo la cena a base di carne di maiale 130 gr e rucola 100 gr e 50 gr di
              pane integrale mi trovo a pesare 82,9 kg ma la maggior parte del merito di
              questo dimagrimento giornaliero è dovuto a 8 km di corsetta
              oltre ai gustosi spuntini di 20 gr di cioccolato fondente (ore 10 e ore 16)
              obbiettivo per le 22:30 mantenere i 82,9

domenica 8 giugno 2014

Diario alimentare 7 giugno

ore 10:00 appena sveglio peso 84,3 poi pranzo subito mezza
          insalata di riso due stracciatelle e un panzerotto
ore 14:00 mi peso e il risultato è 85,3
poi diversi mini spuntini a base di 20 gr di cioccolato fondente
ore 22:00 peso 84,5 e ceno 70 gr di fesa di tacchino 70 gr di pane
          integrale e 200 gr di pomodori dopo mi peso e sto a
          85,1
ore 0:00 84.8 sono dimagrito di 300 grammi da dopo la cena

sabato 7 giugno 2014

Diario alimentare 6 giugno

ore 9:00 due vaschette di stracciatella dopo aver mangiato stavo 84,9
ore 16:00 insalata di riso e panzerotto dopo il pranzo stavo 84,5
ore 17:00 prima della corsa stavo 84,2
ore 20:30 cena menu 7 prima della cena stavo 83,5
          60 gr di bresaola, 50 gr di pane integrale e 200
          gr di pomodoripoi dopo la cena 84,6

venerdì 6 giugno 2014

diario alimentare 5 giugno

              ore 21:30 cena a base di pizza margherita prima pesavo 84,1 poi dopo mangiato
                              pesavo 84,8
              ore 0:30 obbiettivo 84,5 dopo 3 ore dalla cena raggiunti i 84,4

giovedì 5 giugno 2014

Diario alimentare 4 giugno

              ore 0:09 dopo 3 ore e mezza dalla cena 85,7
              ore 5:00 peso 85,2 ho sfraciato di sonno 5 cornetti
              fino alle 18:00 attività fisica e cioccolato fondente spuntini
              ore 23:00 cena menu 7 (bresaola 70 gr grana 20 gr pomodori 200 gr, pane 50 gr)
                            dopo mi trovavo a 86,6 kg

mercoledì 4 giugno 2014

Diario alimentare 3 giugno 2014

              ore 4:30 latte e crusca sohn
              ore 9:00 mi sono svegliato ingrassato e ho sfrasciato di dolci di nervosismo
              ore 13:00 ho mangiato solo 100 grammi di fagioli ma il risultato dopo 3 ore è come se avessi fatto
                              un pranzo intero conclusione mangiare di meno non serve a niente
              ore 15:30 ho mangiato insalata di riso e un panzerotto risultato 86,1
              ore 20:00 passeggiata lunga e faticosa risultato 85,4
              ore 20:30 bistecca 130 gr pane integrale 50 gr e 100 gr di pane integrale

martedì 3 giugno 2014

2 giugno diario alimentare

----------------------------------
diario alimentare 2 giugno
              ore 12:30 Pranzo menu dieta 6 85,6
              ore 16:44 dopo 10 km di corsa 84,6

domenica 1 giugno 2014

Diario alimetare 31 maggio e 1 giugno

----------------------------------
diario alimentare 31 maggio 2014
              Il menu 2 non funziona dopo il pranzo e tanta attività fisica mi sono pesato e sono risultato ingrassato di 100 grammi risultato 85,0
  ---------------------------------
diario alimentare 1 giugno
              Tanto nervosismo e frustrazione che mi hanno riportato a 87,3 kg

venerdì 30 maggio 2014

diario alimentare 29 maggio 2014

               alle 8:00 pesavo 85,8 (mi sento sazio non nervoso assonnato ma pieno di energie)
              alle 10;00 150 grammi di pesche risultato 85,4 (obbiettivo raggiunto con 4 ore di anticipo)
              alle 14 obbiettivo 85,4 (raggiunto alle 10)  85,2 (raggiunto alle 11,50 ... 84,9) alle 14:25 dopo
                       6  km sto  a 84,4 devo fare menu 7 dopo pranzo (sono abbastanza sazio) mi sono
                       pesato alle 14:55 e stavo 85,2
              alle 18 il mio obbiettivo è stare a 84,7 kg (risultato 84,6) poi possibilmente corsetta al
                     parco
              alle 19 dopo corsetta al parco 83,8 ho mangiato due pesche
              alle 23 peso 83,7 mangio 80 gr di fesa di tacchino, 50 gr di pane integrale e 200 gr di
                     pomodori  obbiettivo 84,6 (risultato 84,5 mi sento sazio e soddisfatto)

giovedì 29 maggio 2014

Diario alimentare 28 maggio

DIARIO ALIMENTARE
28 MAGGIO 2014
               ALLE 0:53 DOPO 3 ORE E MEZZA DALLA MANGIATA DELLA CENA DIETA
               MENU 4 SONO DIMAGRITO 1 KG DA DOPO AVER MANGIATO, E FATTO
               UN KM DI PASSEGGIATA  ALLE 1:37 STAVO 85,8 SOLO COL RIPOSO
               alle 6:30 con 5 km di jogging da 85,5 a 85,4
                         (risultato deludente che mette in mostra
                          un metabolismo tornato lento)
               alle 6:35 colazione 200 gr di latte e 25 gr di crusca sohn (mi sento sazio ma nervoso)
               alle 10:00 spuntino 150 gr di pesche obbiettivo 85,4 risultato 85,3, ore 11:39 risultato
                             85 dopo lunga passeggiata e bicicletta
               alle 13:00 pranzo menu 5 obbiettivo 84,9 risultato 84,6 (prima del pranzo) dopo il
                             pranzo pesavo  85,4
               alle 17:00 spuntino ho smaltito dagli 85,4 500 grammi alle 17:00 sto a 84,9 poi mi è
                               venuta fame e  sono uscito dalla dieta
               alle 18:00 obbiettivo 84,5
               alle 21:00 cena menu 5

martedì 27 maggio 2014

Sono di nuovo a dieta purtroppo ma non sarà una penitenza

diario ALIMENTARE
                26 maggio 2014 alle 21:08 ho mangiato la cena dieta MENU 1 della di natale dono
                                 passato da 87 a  87,8 MI SENTIVO SAZIO
               alle 24:08 del 27 maggio stavo dopo un km di passeggiata a 87,5 e avevo smaltito appena
                               300 grammi
               alle 9:00 di stamattina stavo 87
               alle 13:30 dopo una moderata attività fisica dopo lo spuntino a base di succo d'ananas e la
                               colazione di latte e crusca sohn stavo a 86,5
               alle 13:30 dopo il pranzo dieta MENU 4 stavo da 86,5 a 87,3
               alle 16:30 avevo smaltito senza attività fisica 600 grammi e stavo a 86,7
               ALLE 21:39 STAVO 86,2 DOPO AVER MANGIATO LA CENA DIETA (MI SENTO       
                              SAZIO  MA NON TROPPO) MENU 4 STAVO 86,9 TRA 3 ORE STARO'
                              86,6?

mercoledì 14 maggio 2014

Sono di nuovo in sovrappeso

Ma con l'arrivo dell'estate e  delle belle giornate mi riprometto di scendere dagli attuali 83,8 kg a almeno 80,8 kg anche con l'aiuto dei numerosi trucchi pubblicati in questo sito. Ciao amici ciccioni.

Il chetone di lampone al famoso programma del dott. Oz

Trascrizione della puntata

Dr. Oz: Abbiamo parlato dei 5 migliori brucia grassi per 5 tipi di fisico in soli 5 giorni e adesso abbiamo il prodotto miracoloso n°1 per bruciare il grasso. È il Raspberry Ketone. E l’esperta di dimagrimento Lisa Lynn giura che questo integratore, per le persone con grasso in tutto il corpo che vogliono provare qualcosa, farà di tutto per eliminare quel grasso. Questo dovrebbe spiegarlo.
Lisa Lynn: È come hai detto, fa di tutto.
Dr. Oz: Allora come l’hai scoperto? Non è incredibile? Sai, all’inizio credevo che il Raspberry Ketone fosse qualcosa di cui avevo sentito parlare in modo marginale, non mi ero reso conto di quanto potente potesse essere fino a quando non ho iniziato a fare delle ricerche. Come lo hai scoperto e perché ritieni che sia così valido?
Lisa: Ricerca, ricerca, ricerca. Credo che sia veramente valido perché i chetoni provengono dai lamponi rossi, sono molto salutari, non hanno effetti collaterali e aiutano il corpo a bruciare il grasso. Ma non solo: lo dividono all’interno della cellula in modo che il grasso bruci più facilmente. E tutti vogliamo che sia più facile.
Dr. Oz: Si, renderlo più facile lo rende anche più intelligente. Abbiamo appena visto quattro tipi di fisico e questo funziona per tutti questi quattro, più le persone che hanno grasso in tutto il corpo. Ma ascoltate, questo è un punto importante: voglio che tutti facciano attenzione al fatto che c’è un ormone fondamentale coinvolto in questo processo.
Lisa: Si
Dr. Oz: E non ne ho mai parlato in questa trasmissione prima d’ora, si chiama adiponectina. Adiponectina, sembra un parolone… ma questo è un ormone che inganna il corpo in modo naturale facendo sì che agisca come se fosse magro.
Lisa: Noi lo vogliamo.
Dr. Oz: Lo vogliamo. Le persone che sono magre hanno di natura più adiponectina. Quando si mette su peso, si riduce la capacità di funzionamento di questo ormone.
Lisa: Già.
Dr. Oz: E per questa ragione si finisce con l’avere un corpo che si comporta come se fosse grasso. Si inizia ad accumulare grasso in tanti posti. Lasciate che ve lo mostri. Fai parte di quella categoria?
Lisa: Sì, lo sono. Colpevole.
Dr. Oz: Ecco I tuoi occhiali.
Lisa: Grazie, li indosso.
Dr. Oz: Ho una dimostrazione, è un po’ pericolosa. Ora… questi sono palloncini rossi. Sono le vostre cellule di grasso. Potreste avere cellule di grasso nei vostri glutei, nelle vostre cosce, nelle vostre braccia, nel vostro petto… non importa dove sono. Mettendo queste cellule di grasso nell’azoto liquido, che è questo, questo agisce come il Raspberry Ketone, ok? Li metto qui dentro e guardate cosa succede…
Lisa: Questo è esattamente quello che fa il Raspberry Ketone.
Dr. Oz: Le cellule di grasso iniziano ad eccitarsi e a rilasciare il grasso e il Raspberry Ketone regola gli ormoni che fanno succedere questo.
Lisa: È corretto.
Dr. Oz: Ora, se non si ha la giusta quantità di Adiponectina… guarda cosa succede.
Lisa: Guardate! A me piace osservare le cose, devi spiegarmi il perché, non puoi semplicemente dirmi “fai questo”. E quello?
Dr. Oz: Questo è quello che succede. Tornano indietro. Stai facendo la dieta e metti su altro peso.
Lisa: Tutto da Madre Natura.
Dr. Oz: Tutto da Madre Natura. E poi ancora, li rimettiamo dentro – perché sappiamo cosa è intelligente fare – e si inizia ad avere la giusta quantità di quell’ormone. Queste cellule ogni tanto scappano!
Lisa: Vedi? Stanno già cadendo!
Dr. Oz: Ma la maggior parte di esse si rinsecchirà ed è proprio questo quello che vogliamo.
Lisa: Giusto.
Dr. Oz: Allora… io sono un grande fan di queste cose. Dove si comprano? Quanto costano?
Lisa: Anche io. Puoi comprarli online in un negozio di alimenti naturali. Costano 12 dollari. Voglio dire… ovunque. Fai le tue ricerche e comprali di buona qualità, perché funzionano se ne prendi la giusta quantità. Puoi prenderne 100mg a colazione, subito. Se non funziona passa a 200mg prendendolo anche a pranzo.
Dr. Oz: Però voglio dire… a me piace sempre prendere la versione naturale, se posso.
Lisa: Anche a me.
Dr. Oz: Allora perché non posso semplicemente prendere dei lamponi e mangiarli?
Lisa: Beh, prima di tutto perché dovresti mangiare 40kg di lamponi per ottenerne l’equivalente.
Dr. Oz: 40kg?
Lisa: Voglio dire, probabilmente potrei mangiarne 40kg, ma questo vorrebbe dire anche troppe calorie e troppi zuccheri e finiresti per far crescere le cellule di grasso mentre noi in realtà vogliamo farle ridurre.
Dr. Oz: Questi non sono 40 kg. Quelli sono 40kg!
Lisa: Giusto.
Dr. Oz: Sono tanti. Tanti! Bene, prendere le pillole… Voglio essere pratico, ma non voglio promettere troppo.
Lisa: No, dobbiamo essere onesti.
Dr. Oz: Quanto tempo ci vorrà alle persone per vedere un beneficio o qualcos’altro che, nella tua esperienza personale, hai visto con questo prodotto?
Lisa: I risultati si vedranno, ho delle persone che vedono risultati immediatamente. Ad alcuni ci vogliono 5 giorni. Più lo usi, maggiori sono i risultati. Siamo tutti leggermente diversi, ma le persone che lo prendono non vogliono mai tornare indietro.
Dr. Oz: Allora, sei stata così gentile da portare le immagini di un paio dei tuoi clienti.
Lisa: Sì, loro le hanno volute condividere.
Dr. Oz: Voglio usarle come esempi, questo potrebbe non essere esattamente quello che succederà a voi ma Lynn, una delle pazienti menzionate, ha avuto risultati spettacolari, ci sono voluti 8 mesi. Ecco com’era prima…
Lisa: Otto mesi, un’enorme differenza!
Dr. Oz: Eccola qui 8 mesi dopo.
Lisa: Ta-daaa! Dovreste vedere in realtà come è adesso. E non ha 20 anni! Questo è tutto quello che dirò sulla sua fascia di età.
DR Oz: Oh, quindi ha più di 20 anni! Ok.
Lisa: Oh sì!
Dr. Oz: Bene, stavo per dire… ne ha 21? Ne ha 19?
Lisa: Diventa più difficile quando invecchiamo e lei riesce a farlo. E con un bell’aspetto.
Dr. Oz: E lasciate che vi mostri una foto di Leslie.
Lisa: Sì.
Dr. Oz: Lei è un’altra delle pazienti di Lisa. Mi è stato detto che sta ancora usando raspberry ketone.
Lisa: È così.
Dr. Oz: Questa è lei prima… e questa è lei 6 mesi dopo.
Lisa: Sì, non vuole più mollare il flacone, devo toglierglielo con la forza perché mi piace vedere le persone che ce la fanno con la dieta e l’esercizio, ma va bene anche avere un po’ di aiuto lungo la strada.
Dr. Oz: Cerchiamo di essere chiari su una cosa: io credo che valga la pena provarlo, con tutti voi. Pensateci. Ma voglio essere chiaro anche sul fatto che il Raspberry Ketone, ancora una volta, aiuta il corpo a credere di essere magro.
Lisa: Giusto
Dr. Oz: E questo è fantastico… quindi il corpo, metabolicamente, inizierà ad andare nella direzione in cui tu vuoi che vada. Ma devi insegnare ai tuoi clienti…
Lisa: Prima le cose importanti.
Dr. Oz: Che sono magri. Anche come persone. E per farlo, devono capire come comportarsi in modo intelligente, facendo adeguato esercizio.
Lisa: Le persone fanno così.
Dr. Oz: Cosa fanno?
Lisa: Mangiano in modo sano e fanno esercizio ogni giorno.
Dr. Oz: Spero che questo vi aiuti a superare le difficoltà. Usatelo per questo scopo, non come una pillola miracolosa. Siamo chiari su questo?
Pubblico: Si!
Dr. Oz: Abbastanza bene. Puoi voler fingere di esserlo fino a quando non ce la fai, anche questo potrebbe essere utile.
Lisa: Assolutamente.
Dr. Oz: Mentre state perdendo peso, voglio che vi vestiate in modo da sembrare magri. Tra poco, i 5 modi di vestirsi per sembrare più magri, a seconda del vostro tipo di fisico. Non è richiesta nessuna dieta o esercizio fisico per questo!

venerdì 25 aprile 2014

Per dimagrire bere due bicchieri d'acqua prima dei pasti

Siete a caccia di trucchi sempre nuovi (ed efficaci) per buttare giù i chili di  troppo? Eccovi serviti: l´ultimo in ordine di tempo arriva dagli Stati Uniti. E non prevede stramberie di sorta, basandosi sull´elemento fondamentale della vita: l´acqua. Bere due bicchieri d´acqua prima di ogni pasto contribuisce a regolamentare l´assunzione del cibo, e quindi a limitare le calorie ingerite, fino a favorire il dimagrimento. È il risultato di uno studio scientifico condotto dai ricercatori del Virginia Tech, come riportato dal magazine online "In a Bottle".

Si dimagrisce di più e meglio
Lo studio è stato presentato dalla American Chemical Society a Boston, negli Stati Uniti: qui gli scienziati avrebbero dimostrato come "bere due bicchieri di acqua prima di ogni pasto aiuta a perdere peso".
I ricercatori statunitensi hanno studiato 48 adulti in sovrappeso dai 55 anni ai 75 anni che hanno seguito una dieta ipocalorica per circa tre mesi (1.200 calorie al giorno per le donne e 1.500 calorie al giorno per gli uomini). Alla metà delle persone è stato detto di bere 2 bicchieri da circa 250 ml prima di colazione, pranzo e cena.
Alla fine dello studio, il gruppo che beveva acqua prima dei pasti aveva perso una media di 7 kg a testa, mentre coloro che non lo avevano fatto erano calati meno di 5 kg.

domenica 16 marzo 2014

Amici ecco il range cardiaco entro il quale la mia attività aerobica mi fa dimagrire

Dimagrisco facendo jogging mantenendomi nel range della soglia cardiaca tra 114 battiti al minuto e 132 battiti al minuto. Ciao

lunedì 17 febbraio 2014

Il grano saraceno è un alimento dimagrante

L’estate si avvicina e abbiamo tutti la tentazione di sgonfiarci e tornare in forma  in vista delle vacanze: invece di utilizzare metodi troppo coercitivi o – addirittura – poco clementi nei confronti del nostro organismo, possiamo scegliere pratiche naturali.

Il grano saraceno, per esempio, sembra un ottimo alleato della linea e per chi soffre di intolleranze o celiachia è un valido sostituto del glutine. Perché – a dispetto del suo nome – il grano saraceno NON ne contiene.
Questo vegetale (che viene considerato un cereale anche se propriamente non lo è) ha un elevato contenuto di fibre: significa che occupa molto spazio nello stomaco ma ha poche calorie.
Noi ci sentiamo pieni e soddisfatti ma non rischiamo di esagerare.
Ecco allora qualche piccolo spunto per integrare il grano saraceno alla nostra dieta:
  • sostituiamolo al riso nella preparazione dei primi;
     
  • la zuppa di grano saraceno è davvero ottima e può essere accompagna da carote e patate. Forse non è un piatto precisamente estivo, ma per gli amanti del genere sarà comunque un’ottima “compagna” di benessere;
     
  • Insalate di terra e di mare: il grano saraceno è molto gustoso in insalata. Può accompagnare sia insalate a base di pomodoro, rucola e mozzarella che insalate di mare senza sfigurare mai;
     
  • Con i broccoli: come sostituto della pasta, va versato in cottura con le cime del broccolo e dopo la scolatura, saltato in padella con acciughe e peperoncino.  Se dobbiamo perdere molto peso, possiamo anche optare per la versione leggera ed evitare la padella. Con un filo d’olio è comunque buonissimo in compagnia dei broccoli!
Il grano saraceno non è solo un ottimo sostituto della pasta ma anche proprietà benefiche per chi offre di ipertensione e insufficienza venosa ed è – in questo contesto – assunto in foglie essiccate.

Prima di utilizzare il grano saraceno in cucina, bisogna accertarsi di non esserne allergici perché può dare reazioni anche serie.
 Non ci resta che augurare a tutti di riuscire nel proprio obiettivo di dimagrimento, magari proprio grazie a qualche ricetta gustosa a base di questo vegetale!


mercoledì 12 febbraio 2014

Il caffè verde fa dimagrire


Home - Rimedi Naturali - Caffè Verde: è vero che fa dimagrire?

Caffè Verde: è vero che fa dimagrire?

Protagonista di un vero è proprio boom, il Caffè Verde è ormai conosciuto da tutti coloro che hanno l’esigenza di dimagrire e tornare in forma. La più grande pubblicità gli è stata fatta, come accade per tutti i prodotti che funzionano davvero, dal passaparola.
Green Coffee è stato infatti definito come un miracoloso integratore dimagrante che aiuta a perdere peso e a dimagrire senza fatica in pochissimo tempo. Questo ha spinto i Media a parlare del Green Coffee e quasi tutti i giornali che si occupano di salute e bellezza hanno visto come protagonista il Caffè Verde per dimagrire, in almeno uno dei loro articoli. L’ultima rivista che ne ha parlato sottolineando i molteplici benefici che questo straordinario prodotto offre è Silhouette Donna.
Quello che però tutti si chiedono prima di acquistare il Caffè Verde per dimagrire è: “Ma sarà veramente così efficace?, Il Caffè Verde Funziona veramente”

Caffè o Caffè Verde?

In realtà se pur si parli sempre di caffè, il Caffè Verde con la bevanda a poco a che vedere, ma ha moltissime altre qualità, che lo hanno reso protagonista di un successo mondiale, tra coloro che amano mantenersi in forma con i rimedi naturali.

Cos’è il Caffè Verde?

Caffè VerdeIl Caffè Verde non è nient’altro che la versione “cruda” del chicco di caffè che normalmente siamo abituati a vedere; è quindi semplicemente il caffè prima di essere tostato. Il Caffè Verde è esattamente quello che viene definito un cibo “integro”, poco trattato e molto vicino al suo stato naturale, infatti il Caffè verde subisce pochissimi trattamenti. Le bacche di Caffè che generalmente sono delle due varietà Robusta e Arabica, vengono semplicemente seccate e frantumate nei mortai. La torrefazione non viene fatta ed è per questo motivo che il caffè Verde più principi attivi del caffè che noi siamo abituati a bere.

Il Caffè Verde e le sue proprietà benefiche

Per gli occidentali, utilizzare il Caffè allo stato “Verde”, è una novità, questa curiosità ha attirato l’interesse di molte persone e di molti scienziati, in quanto il Caffè Verde Funziona e  ha effetti sull’organismo, il primo di tutti, riconosciuto a questo cibo è l’effetto “Sveglia-Metabolismo”.
Caffè VerdeIl successo del Caffè Verde è stato dato dal Passaparola tra le donne che si affidano alle virtù di erbe e rimedi naturali per mantenere o tornare in linea, che lo hanno decretato un ottimo dimagrante naturale. Un vero boom che ha spinto alcune persone ha provare le versioni “Home made” di Caffè Verde, cercando i chicchi ancora da tostare nelle varie torrefazioni. Ma il vero ed efficace Caffè Verde che Funziona però va preso in capsule, e non mangiato così com’è, in chicchi!

Caffè Verde, perchè aiuta la linea?

Caffè Verde FunzionaAlcuni considerano il Caffè Verde un vero “Brucia Calorie”, altri un antidoto a tossine e chili di troppo, da utilizzare nei periodi di scorretta alimentazione, come durante le feste e le vacanze. Quest’ultima però è un po’ una visione distorta, perchè non puo’ essere certamente una capsula di Caffè Verde a rimediare alle grandi abbuffate festive, di cene a 6 portate o agli squilibri di un abituale dieta ipercalorica o ricca di grassi.
E’ assolutamente vero invece,che il Caffè Verde Funziona e che possiede le proprietà di cui si è parlato e questo è stato confermato da ricerche scientifiche. Uno studio importante è stato condotto dalla American Journal of Clinical Nutrition, che ha sottolineato le qualità di un componente che è contenuto nel Caffè Verde, stiamo parlando dell’Acido Clorogenico, esso è la sostanza utile per mantenere o raggiungere la linea.

Il Caffè Verde Funziona, ma come agisce?

Caffè VerdeIl Caffè Verde Funziona intervenendo nel meccanismo dei carboidrati, grazie all’Acido Clorogenico, riduce l’assorbimento degli zuccheri da parte dell’intestino, infatti esso è utile a: Moderare i picchi di insulina, comunemente chiamata “fame di dolci”
Inoltre il Caffè Verde Funziona perchè riesce  a velocizzare il metabolismo, esso Accellera il processo naturale dello smaltimento dei grassi. Questo è un meccanismo utile al dimagrimento, dato dall’Acido Clorogenico e dalla caffeina che interviene con la sua azione lipolitica.
Un altro effetto positivi dell’assunzione del Caffè Verde è l’effetto energetico. Grazie a questo effetto, permette di sopportare la dieta e ad ottimizzare i risultati.
I Caffè Verde è quindi un :
ACCELLERATORE DEL METABOLISMO
BRUCIA GRASSI
MODERATORE DELLA FAME
ENERGETICO

domenica 2 febbraio 2014

Antimonium crudum omeopatia per la fame guarire dalla fame nervosa



Quando gli attacchi di fame improvvisa, rischiano di mandare all’aria una dieta rigorosa….
Francesca Spanò

Chiunque, almeno una volta nella vita, ha scelto o è stato costretto a mettersi a dieta e, quindi, sa quanto è difficile mantenersi fermi sui propositi di non abbuffarsi di tutto quello che si trova nel frigorifero. Ma è pur vero che, per un attimo di debolezza, non è il caso di mandare all’aria mesi di sforzi e allora bisogna imparare a resistere. I mini attacchi di panico, di solito, sono forme compensative di stati d’animo particolari; infatti, chi si sente triste o ha un problema, quasi sempre, si rifugia nel cibo. La natura psicologica di queste tentazioni non deve, comunque, invitare a cedere e a iniziare a mangiare di tutto. Quando si comincia a mangiare di meno, le intenzioni sono buone e i primi giorni tutto fila liscio, il problema è dopo, quando il corpo è già indebolito dalle nuove abitudini alimentari.

Spesso gli attacchi di fame, si possono combattere ad armi pari, con i rimedi naturali, che si trovano facilmente in farmacia o nelle erboristerie specializzate, senza svuotare necessariamente il portafoglio per comprarli. Bastano poche gocce o granuli, a seconda del tipo di trattamento scelto e la fame sparisce o, almeno, non arriva così improvvisa e potente. Prima di fare un acquisto del genere, però, è necessario stabilire se la fame è reale, o se si tratta invece, di un appetito dettato solo dal fatto di essere consapevoli di non potere mangiare quando si vuole.

Sembra strano a dirsi, ma esistono tanti tipi di fame: c’è quella di coccole, ad esempio, o quella bulimica o ancora, quella vorace e quella nervosa.

Quando si soffre di frustrazioni di natura affettiva, i fiori di Bach appaiono come il rimedio più indicato. Questi ultimi, infatti, agiscono sulle emozioni e le modificano in senso positivo. Un esperto potrà aiutare chi ne ha bisogno a scegliere quello giusto o, in alternativa, a creare un mix capace di risolvere il disturbo.

La fame bulimica, invece, si verifica quando si viene assaliti da un languorino irresistibile e ci si abbuffa, fino a scoppiare, iniziando poi a sentirsi in colpa per l’errore commesso. In questo caso, si consiglia un rimedio omeopatico, come l’anacardium orientalis alla 30 CH. Bastano cinque granuli sotto la lingua prima dei pasti e il gioco è fatto.

Anche per la fame nervosa, viene in aiuto l’omeopatia con l’ignatia amara alla 9 CH; così anche chi mangia senza appetito, tanto per fare qualcosa, imparerà a dedicarsi ad altro. I fiori di Bach, sono altrettanto utili e, in questo caso, si può scegliere il noto Agrimony.

La fame vorace, costringe, chi ne soffre, a mangiare tutto al volo, come se si trattasse del semplice assaggino casuale. In questo caso però, non si manifesta alcun pentimento ed ecco perché è considerata molto diversa da quella bulimica. Il rimedio omeopatico giusto per tale problema, è l’antimonium crudum alla 30 CH. Basta metterne due o tre granuli sotto la lingua al mattino appena svegli, per tre settimane. Successivamente, l’operazione andrà ripetuta solo una volta a settimana.

Per qualunque altro tipo di fame, infine, è consigliabile assumere 5 compresse di glucomannano. Si tratta di una proteina che nello stomaco si gonfia e sazia, inducendo il soggetto ad evitare altro cibo.
 
Top

domenica 19 gennaio 2014

La mandorle calmano la fame

I dieci alimenti inibitori della fame

Se tra un pasto e l'altro continui ad avere appetito, forse dovresti cambiare menù: ecco la top dei cibi più sazianti

I dieci alimenti inibitori della fame - Se tra un pasto e l'altro continui ad avere appetito, forse dovresti cambiare menù: ecco la top dei cibi più sazianti
Fotogallery
E' inutile imporsi di dimagrire mangiando 50 gr di pasta a pranzo, se poi trascorrete il pomeriggio in attesa della cena, con uno sguardo famelico. Fare uno spuntino leggero tra i pasti può aiutarci a controllare il senso di fame, così come consumare alimenti particolarmente sazianti, che inibiscono l'appetito. Ecco la top:
Le mandorle: quando non ce la fai più, mangiane una manciata; dopo mezz'ora circa ti dovrebbe passare la fame.

I fiocchi d'avena: facci colazione, perchè ricca di fibre, che gonfiano lo stomaco e danno un'apparenza di sazietà molto velocemente.

Zuppa: inaugura i pasti principali con una bella zuppa. Ricche di liquidi caldi che calmano l'appetito, in generale sono povere di grassi.

Salmone: un trancio, grigliato, a pranzo. I lipidi che contiene (grassi buoni) ti terranno a bada per ore.

Wasabi: gli alimenti piccanti aiutano a diminuire la fame. Abbina quindi la micidiale salsa verde al tuo salmone.

Acqua:
bevine moltissima, almeno due litri al giorno. Spesso hai più sete che fame.

Caffè:
senza eccedere nel suo consumo,sappi che inibisce l'appetito. Inoltre, regala la sensazione di "chiusura" del pasto, impedendoti di continuare a mangiare.

I semi di lino: da aggiungere allo yoghurt, per fornire al tuo organismo gli acidi grassi essenziali. E avere meno fame.

Le mele: sgranocchiarle a metà pomeriggio o metà mattinata ci permette di resistere un paio d'ore, a costo di pochissime calorie, e denti bianchi.

Il cioccolato fondente: a sorpresa, c'è anche lui! Contiene infatti acido sterico, che fa passare la voglia di nutrirsi Un quadrotto eh, non di più!

sabato 11 gennaio 2014

Rispettare gli orari per dimagrire

Per dimagrire è importate mangiare in orario

di 
Pubblicato il: 30-01-2013
Sanihelp.it - In molti sono convinti che per dimagrire basta (si fa per dire) diminuire l'apporto calorico e aumentare il dispendio energetico: uno studio condotto presso il Brigham and Women's Hospital in collaborazione con l'università della Murcia e con la Tufts University ha sottolineato come, nel calo ponderale, giochi un ruolo fondamentale l'orario dei pasti. 

Gli autori dello studio hanno monitorato 420 pazienti in sovrappeso che si sono sottoposti ad un programma di dimagrimento della durata di 20 settimane.
I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi a seconda che facessero d'abitudine il pasto principale, ovvero il pranzo prima delle 15 o addirittura dopo le 15. 
è emerso che le persone abituate a mangiare dopo le 15 sono state quelle che sono riuscite a perdere meno peso e comunque il loro peso è sceso  più lentamente rispetto alle persone abituate a pranzare prima.

Le persone abituate a mangiare dopo le tre non trovano alcun giovamento nel frazionare i pasti in 5 momenti poiché mangiando alle tre anche gli orari degli spuntini risultano completamente sballati. 
Un programma dietetico che si rispetti, quindi, fra le tante variabili dovrebbe tener conto anche degli orari dei pasti

mercoledì 8 gennaio 2014

Ecco le ultime bufale

ROMA Quest'anno il protagonista è il caffè verde, alimento pubblicizzato come «potente brucia grassi». Ma sono molti gli aiuti di moda che, di volta in volta, focalizzano l'attenzione dei aptiti della dieta: le bacche di acai, il gambo di ananas, estratti di frutti esotici o più casalinghe diete monotematiche: da quelle del limone a quella del minestrone fino alla banana o le sempreverdi iperproteiche. 
E' questo il periodo d'oro delle bufale dimagranti. Chimere che, però, non rappresentanola soluzione ideale per ritrovare e mantenere la forma fisica. «A perdere peso in genere è il portafogli e non mancano i rischi per la salute», avverte il nutrizionista Giorgio calabrese dell'università di Alessandria.

Per dimagrire realmente, spiega l'esperto, «serve perdere grasso, mentra nella maggior parte dei casi con qeuste sostanze ciò non accade».«Chi usa i diuretici perde acqua, chi usa le diete iperproteiche perde massa muscolare e acqua, così come chi punta su un'alimentazione monotematica». Il segreto per ridurre il grasso, invece, «è mangiare un po' di tutto, in quantità minori ovviamente. Se noi vogliamo davvero dimagrire - aggiunge Calabrese - dobbiamo raggiungere un giusto rapporto tra zuccheri e grassi introdotti».

Non esistono cibi miracolosi in grado di far scendere l'ago della bilancia, avverte il nutrizionista. «Diete che puntano su un solo alimento, su una sostanza o su una riduzione esagerata di nutrienti sono sbagliate. Tutti gli aiuti naturali propostipartono da principi della fitoterapia. La maggior parte sono a base di carciofo, cumino, finocchio, tarassaco. Si tratta di sostanze che possono anche far notare una riduzione di peso della bilancia, perché permettono di perdere acqua, ma non si è effettivamente dimagriti. E i chili tornono rapidamente»

martedì 7 gennaio 2014

Dormire dopo aver mangiato molti carboidrati fa ingrassare

Chi dorme tanto non ingrassa

Dormire bene e per molte ore contribuisce a mantenersi in forma e persino a perdere peso tanto che esiste anche una dieta per smaltire chili durante il riposo notturno.
Mai rinunciare al “beauty sleep”, il sonno di bellezza, prima di una giornata importante. Ma riposare non distende solo i tratti del viso. Una bella dormita di almeno sette ore ogni notte allontana il rischio di obesità.
Lo sostiene un’indagine condotta tra 10.000 americani: le probabilità di ingrassare, infatti, aumentano del 60% tra coloro che dormono cinque ore per notte rispetto a chi ne dorme sette.

Come si spiega?

Il sistema neuroendocrino che regola il sonno ha punti di contatto con quello regolatore dell’appetito. E chi soffre di insonnia produce maggiore grelina, l’ormone che segnala al cervello la fame e minori quantità di leptina, l’ormone che, al contrario, è responsabile del senso di sazietà.
Insomma, la notte in bianco favorisce l’abitudine allo spuntino, con conseguenze pesanti per la linea, quantificabili in 200 calorie extra ogni volta che si fanno le ore piccole.
È noto, inoltre, che le persone in forte sovrappeso hanno una peggiore qualità del sonno in quanto più esposte a disturbi respiratori e cardiocircolatori. Meno sonno, più fame, più ciccia: un circolo vizioso da stroncare al più presto.
Inoltre, il cibo assunto di notte agisce in modo sfavorevole all’attivazione dell’insulina, l’ormone che stimola l'uso del glucosio per la produzione di energia. Con il risultato che gli alimenti sono trasformati in grasso anziché in energia.

L’arte di riposare

Come dimagrire, allora, sfruttando le nuove scoperte della biologia del sonno?
  • È buona norma andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora, weekend compresi.
  • Dormire tra le sette e le nove ore: è questo il tempo considerato ideale affinché l’organismo consumi i grassi in modo corretto.
  • I pisolini pomeridiani non valgono, anzi, possono disturbare il metabolismo.
  • Riposare bene è un’arte: silenzio, oscurità e una stanza ben areata favoriscono l’abbandono tra le braccia di Morfeo e il buon funzionamento dell’ipofisi, la ghiandola che rilascia la melatonina, l’ormone del sonno.
Imparare a dormire può, quindi, rivelarsi l’idea perfetta per chi non ama sudare in palestra, come hanno scoperto Mike e Stuart McInnes, ideatori della Hibernation Diet.
Non si tratta di ibernarsi in attesa che i grassi si sciolgano, bensì di un semplice regime alimentare che consenta al metabolismo una certa accelerazione naturale durante il riposo.
Secondo i due ricercatori è possibile consumare circa 600 calorie durante le prime 4 ore di sonno e 120 per ogni ora successiva: 1.080 calorie in meno con una comoda dormita di otto ore.

Le regole per dimagrire dormendo

Pochi carboidrati, meglio se integrali o comunque non raffinati, verdura, frutta, carni bianche e pesce. Ecco gli alimenti principali della dieta.
Fondamentale lo snack preserale che predispone il fegato a recepire la cena: un frutto, per esempio banana, e due fette biscottare con una sottile fetta di formaggio magro.
La cena è leggera, a base di minestre di verdure, un contorno altrettanto verde, carne o pesce alla griglia senza condimenti e un frutto.
Un paio d’ore dopo aver mangiato, fare una breve passeggiata oppure, se il tempo o il luogo non lo consentono, qualche semplice esercizio fisico casalingo non aerobico.
Prima di andare a nanna, un paio di cucchiaini di miele aiuteranno a mantenere la glicemia stabile durante il digiuno notturno. Ricordate però di lavarvi i denti: i grassi magari se ne vanno ma gli zuccheri continuano a lavorare.
Per non ingrassare, dunque, è importante dormire bene, sette-otto ore filate senza interruzioni.
Siete insonni? Se il vostro stato dura da un mese o più è consigliabile rivolgersi al medico per una diagnosi precisa poiché dormire poco o male potrebbe avere cause diverse: dall’ansia, che colpisce il 25% degli insonni, a disturbi fisici quali la sindrome delle gambe senza riposo o le apnee notturne.
Shamiran Zadnich